• Enterprise Outreach Program
  • Candida*mente podcast
  • Interviste agli Innovatori
  • Kubunina
  • EuroPM
  • Progetti in Erba

Congratulazioni a Chiara Canavera: una seconda laurea con il NIC

Da tutto il PMI-NIC complimenti a una neolaureata speciale: Chiara Canavera, socia e volontaria NIC, ha ottenuto la laurea magistrale in Ingegneria gestionale al Politecnico di Milano, discutendo la tesi sviluppata nell’ambito del progetto di ricerca ExploreR, nato in seno al chapter.

Si tratta della seconda laurea magistrale per Chiara, dopo quella in Informatica. La tesi, dal titolo “Five-level model to assess requirement engineering process maturity”, è stata discussa con relatore il professor Sergio Terzi; supporto esterno è stato garantito da Dario Morandotti (direttore del Branch Lombardia del PMI-NIC), cui si deve il lancio del progetto di ricerca ExploreR.

“Sono entrata nel progetto ExploreR – spiega la neodottoressa – a giugno 2017 con l’obiettivo di definire un modello di maturità specifico per valutare i processi aziendali di requirement engineering. Il risultato è un modello a cinque livelli di maturità su sei diversi aspetti chiave: elicitazione e analisi, prioritizzazione, validazione e verifica, tracking e change control, documentazione, sistemi informativi”. I prossimi passaggi che attendono Chiara sono la preparazione di un questionario da sottoporre a un campione di almeno cento aziende e l’utilizzo del modello per elaborare i risultati e ottenere statistiche a livello nazionale.

Non capita di frequente che una tesi di laurea metta radici nel terreno fertile di un progetto di ricerca di un’associazione di volontariato professionale, e le parole che Chiara ha scritto nelle pagine iniziali del suo lavoro testimoniano in modo inequivocabile la sua passione e la sua professionalità, così come il suo forte legame con il NIC: “I am a volunteer in PMI Northern Italy Chapter since 2014, and since 2015 in the Research and Innovation area. First of all I want to acknowledge the effort that PMI-NIC invests in research projects, the innovation of the topics, the number and the entusiasm of the volunteers, the quality of the results”. 

Congratulazioni, Chiara!